weekend di stampa sperimentale

Segnalibri-stampati-a-mano

Le emozioni positive influenzano la creatività e a sua volta la creatività fa star bene! Questo è certo perché durante i laboratori creativi il tempo passa piacevolmente, leggero e vola fra sorrisi e sorprese.
Questa volta durante due mezze giornate, in un unico weekend, sono state affrontate due tecniche di stampa con matrici diverse, supporti e texture sperimentali.

Mi piace vedere a lavori terminati le interpretazioni di ognuno dei partecipanti ai miei corsi che con il loro stile trovano, applicando la tecnica proposta, soluzioni diverse.

Con la puntasecca, di cui vi ho già parlato qui, sono stati realizzati alcuni segnalibri.

Rosellina ha pensato al Tiglio simbolo importante per il paese dove abita.

Segnalibri-stampati-a-mano

Cristina con tratto sicuro ha scelto in più varianti di colore un volto come soggetto, mentre Serena ha imitato lo stile di Modigliani.

Segnalibri-stampati-a-mano

Mara, che non ha paura di sporcarsi le mani, ha realizzato due segnalibri floreali con la luna sullo sfondo.

Segnalibri-stampati-a-mano

Linda ha sperimentato il collage in una composizione dalle foglie essenziali e moderna.

Liana ha fatto dei pesci che ha vivacizzato con la tecnica del collage.

Segnalibri-stampati-a-mano

Appassionata come me di succulente Franca ha scelto di rappresentare nel suo segnalibro una pianta grassa.

La tecnica proposta invece il secondo giorno rompe gli schemi classici della stampa, e permette la riproduzione a più colori con matrice di cartone; sono matrici labili che sopportano la tiratura di poche copie. Infinite però sono le sfumature di colori che si possono ottenere, spesso una sorpresa quando si procede alla stampa.

Di quest tecnica vi ho già parlato qui;

Qui sotto un poetico paesaggio dalle delicate sfumature opera di Rosellina.

Paola ha ottenuto, usando le trame giuste, gli effetti materici che desiderava e simili al suo modo di esprimersi in pittura.

Le stampe di Serena rappresentano un paesaggio marino con la luna sullo sfondo.

Di Liana, qui sotto, ancora lucide e fresche di stampa queste marine con spiagge selvagge.

Mara ha scelto anche lei un paesaggio notturno, sabbia e cielo con la luna.

Isabella in cerca di texture per un paesaggio campestre, qui sotto, ha usato un materiale di un certo spessore che ha messo a dura prova il torchio da stampa. I grovigli della paglia però sono rappresentati a pieno e il risultato è sorprendente!

Romina ha trovato il suo paesaggio ideale con colori delicati e gabbiani nel cielo.

Le più belle stampe sono state inserite all’interno di un libretto con le pagine a fisarmonica.

Queste tecniche assai divertenti permettono di creare una sorta di texture utilizzando materiali di uso comune, purché siano in grado di trattenere l’inchiostro da stampa. Si ottengono stampe multiple anche se quasi sempre una diversa dall’altra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuti! Mi chiamo Anna Bello e amo definirmi un artigiano contemporaneo e vado sempre alla ricerca di tecniche artistiche che rendendo uniche le mie creazioni...- Continua -



Newsletter