Klimt e Beethoven a Portogruaro

Con il concerto di questa sera si conclude il Festival Internazionale di Musica di Portogruaro, una piccola cittadina che si merita senza dubbio l’appellativo di “città della musica”.
 
 Quello di quest’anno un festival che controcorrente, nell’anno delle celebrazioni di Wagner e Verdi, ha dedicato a Beethoven una serie  di concerti, eventi e film in piazze, chiese e palazzi storici. Fra tutti, quello che voglio raccontarvi, a cura di Kino Quartet, è una “projection mapping” di materiale cinematografico dedicato a Beethoven, con la sua musica come colonna sonora e dipinti famosi dedicati a questo importante personaggio. Una retrospettiva sulla facciata dell’antico municipio che, con l’energia, la passione e talvolta l’inquietudine della musica e delle immagini, ci ha dimostrato la contemporaneità della musica di Beethoven. 
Klimt, che lo considerava l’incarnazione del genio e degli ideali secessionisti, si ispirò nel 1902 alla nona sinfonia per comporre il Fregio di Beethoven un’opera lunga ben trentaquattro metri diviso su tre pareti dove la musica diventava elemento fondamentale dell’opera; in occasione dell’inaugurazione della mostra fu infatti eseguito l’Inno alla Gioia diretto da Gustav Mahler. 
Chissà quale emozione avranno provato i visitatori della mostra viennese quando, di fronte a questo straordinario ciclo artistico, ascoltarono il coro intonare le parole dell’inno alla gioia!

In fondo anche noi spettatori di questa video-istallazione ci siamo emozionati di fronte alle immagini in movimento sulla facciata del municipio!
Il fregio di Beethoven dipinto da klimt è stato reinterpretato, tagliato, smembrato fino a comporre una serie di meravigliose figure in movimento.
Nel fregio di Beethoven Klimt dipinge una donna sicura della propria identità che vuole essere e sentirsi alla pari degli uomini. Una madre diversa da quella dell’arte del passato, che spesso si confondeva  con l’immagine sacra della Madonna.
Delinea contemporaneamente l’insicurezza dell’uomo e dà così una visione della donna che incomincia il percorso dell’emancipazione femminile,  una cultura nuova, più libera in un’Europa che sta cambiando. 

Nel primo quadro sono rappresentate figure mostruose ed ostili e un mostro scimmiesco dagli occhi di madreperla che rappresentano l’ostacolo per il raggiungimento della gioia nel mondo.

qui la scimmia apriva e chiudeva la bocca!!!
 
L’uomo, raffigurato dal Cavaliere, dovrà affrontare una sorta di viaggio agli inferi per raggiungere la Poesia, protagonista femminile del dipinto.
 
Nel secondo è rappresentata la musica , come mezzo di trasporto dell’animo umano verso l’armonia. Le Arti guidano nel regno ideale, dove soltanto possiamo trovare gioia, felicità e  amore.
 
le donne fluttuavano da destra e sinistra!!!
 
Nella terza parte, superate le insidie, l’eroe può finalmente togliersi l’armatura e godere della gioia, la pace e l’amore.
Protagonista è il bacio molto amato da klimt che è simbolo del raggiungimento dell’armonia raggiunta.

Attorniano questa esplosione di gioia alcune donne disposte in due schiere: un coro degli angeli.

Le ultime immagini rappresentano un canto di lode alla vita come il quarto movimento della sinfonia di Beethoven oggi inno della Comunità Europea.
Staremo a vedere quali meravigliose emozioni ci riserverà il Festival del prossimo anno!

One comment

  1. Anonimo ha detto:

    in quel palazzo si sposò mia nonna paterna negli anni '20. bella video-installazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuti! Mi chiamo Anna Bello e amo definirmi un artigiano contemporaneo e vado sempre alla ricerca di tecniche artistiche che rendendo uniche le mie creazioni...- Continua -



Newsletter